Acquisto maggiori quantità

Acquisti Grandi Quantità di prodotti come le Firme Digitali, le Marche Temporali o le Visure? Registrati ed accedi al listino per i grandi acquisti!

REGISTRATI
PayPal e Carte Credito Accettate
Le vostre Recensioni
VISURA CAMERALE ORDINARIA - IMPRESA INDIVIDUALE

Grazie per l’assistenza, ottimo servizio

oscar ravasi PUBLIERRE di Ravasi Oscar

CERTIFICATO DI ISCRIZIONE CON VIGENZA

Fantastico

GIACOMO MANFRIN FER.OL.MET. SPA

Newsletter

Iscriviti gratuitamente alla Newsletter, riceverai promozioni ed aggiornamenti su Ufficio Camerale.

Note sulla privacy

News di Ufficio Camerale

Contratti online a rischio senza firma digitale

Contratti online a rischio senza firma digitale

di Luca Scuriatti
Il Tribunale di Catanzaro ha ritenuto inefficaci alcune clausole contenute nelle condizioni generali che disciplinano il rapporto tra e-bay e i propri utenti. Trema il mondo dell’e-commerce italian

E’ un provvedimento destinato a far discutere e che sta già facendo tremare il mondo dell’e-commerce italiano quello pronunciato nelle scorse settimane dal Tribunale di Catanzaro che ha ritenuto inefficaci talune clausole contenute nelle condizioni generali che disciplinano il rapporto tra e-bay ed i propri utenti.
“Con riguardo alle clausole vessatorie online, l’opinione dottrinale prevalente – alla quale il Tribunale aderisce – ritiene – scrivono i Giudici – che non sia sufficiente la sottoscrizione del testo contrattuale ma sia necessaria la specifica sottoscrizione delle singole clausole, che deve essere assolta con la firma digitale”.
“Dunque, nei contratti telematici a forma libera – continuano i magistrati – il contratto si perfeziona mediante il tasto negoziale virtuale, ma le clausole vessatorie saranno efficaci e vincolanti solo se specificamente approvate con la firma digitale”.

A leggere l’Ordinanza del Tribunale di Catanzaro, verrebbe da concludere che decine di migliaia di clausole, contenute in altrettante condizioni generali di contratto alle quali sono attualmente affidati i rapporti negoziali tra i gestori delle principali piattaforme di e-commerce [n.d.r. ma lo stesso principio investire e travolgerebbe anche i fornitori di servizi di comunicazione elettronica, i social network e gli user generated content] sono inefficaci e che, dunque, non potrebbero mai essere utilizzate “contro” gli utenti.
Bene così, potrebbe dire qualcuno, se si guardasse alla vicenda dal solo lato degli utenti – consumatori e professionisti -, “liberati”, d’un colpo, dal “giogo” negoziale di clausole, spesso, per loro sfavorevoli.
Il punto, però, è un altro.
A ragionare così si rischia di infliggere un duro colpo all’e-commerce italiano già sofferente di un ritardo che appare, a tratti, incolmabile rispetto al resto d’Europa.
In caso di contratti disciplinati da condizioni generali predisposte da una delle parti – stabilisce l’art. 1341 del codice civile – “non hanno effetto, se non sono specificamente approvate per iscritto, le condizioni che stabiliscono, a favore di colui che le ha predisposte, limitazioni di responsabilità, (1229), facoltà di recedere dal contratto(1373) o di sospenderne l’esecuzione, ovvero sanciscono a carico dell’altro contraente decadenze (2964 e seguenti), limitazioni alla facoltà di opporre eccezioni (1462), restrizioni alla libertà contrattuale nei rapporti coi terzi (1379, 2557, 2596), tacita proroga o rinnovazione del contratto, clausole compromissorie (Cod. Proc. Civ. 808) o deroghe (Cod. Proc. Civ. 6) alla competenza dell’autorità giudiziaria”.
Se la posizione dei Giudici del Tribunale di Catanzaro che, tuttavia, non convince dovesse diffondersi, il lento sviluppo del commercio elettronico – tanto quello B2C che quello B2B – in Italia subirebbe una gravissima battuta d’arresto.
Le condizioni generali che disciplinano i rapporti tra gestori ed utenti delle più diffuse piattaforme online sono, infatti, pieni di clausole che rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 1341 c.c. e ben difficilmente i gestori di tali piattaforme sarebbero in grado di rinunciarvi continuando ad erogare i relativi servizi e/o vendere i propri prodotti nel nostro Paese senza poter fare affidamento sulle garanzie loro derivanti proprio da tali clausole.
C’è, quindi, ben poco da stare allegri.

Condividi su

Soluzioni per i professionisti

Commercialisti e Tributaristi

Scopri le soluzioni studiate per il mondo dei Tributari e Commercialisti.

Approfondisci

Avvocati e Notai

Strumenti innovativi per migliorare il lavoro dei Notai de degli Avvocati.

Approfondisci

Ingegneri e Architetti

Soluzioni per velocizzare i processi del lavoro di Architetti e Ingegneri.

Approfondisci

Liberi professionisti e Partite IVA

Aumenta il business con nuovi prodotti tecnologici necessari per il lavoro.

Approfondisci

Diventa PartnerDiventa Partner di Ufficio Camerale

Diventa partner di Ufficio Camerale ed aumenta il tuo faturato, affiliazione semplice e immediata, prezzi vantaggiosissimi su una piattaforma unica, assistenza telefonica in caso di difficoltà, un partner di ricerca e sviluppo sulle nuove tecnologie, la fornitura continua di materiale commerciale di supporto.

Approfondisci